Slider

Nel febbraio del 1980, è riuscita, per la prima volta, la frantumazione di un calcolo renale con onde d'urto nel corpo di un paziente. Oggi, l'energia meccanica delle onde d'urto viene introdotta nel corpo per mezzo di un applicatore posizionato sulla pelle del paziente. All'impatto dell'energia con il calcolo renale, questo si frantuma in minuscoli frammenti delle dimensioni di granelli di sabbia che vengono espulsi dal corpo per via naturale. La particolare caratteristica dell'apparecchio MODULITH® SLX-F2, sviluppato dalla STORZ MEDICAL per la terapia ad onde d'urto, sta nella possibilità di adattare precisamente il fuoco energetico, necessario per la frantumazione, alla grandezza del calcolo da disgregare, garantendo una terapia ancora più efficace con effetti collaterali minimi.

Inoltre, vari studi scientifici hanno dimostrato l'efficacia degli apparecchi STORZ MEDICAL nella terapia del dolore pelvico cronico (CPPS) e della curvatura dolorosa del pene (IPP).

 

Tratto da: National Kidney and Urologic Diseases Information Clearinghouse

I calcoli Renali, uno tra i disturbi urologici più dolorosi, non sono un prodotto dell'età moderna. Gli scienziati hanno trovato prove della loro presenza in una mummia egizia di 7000 anni fa. Sfortunatamente, i calcoli renali sono uno tra i più frequenti disturbi delle vie urinarie; sono stati diagnosticati più di un milione di casi nel 1996. Si stima che circa un 10 percento della popolazione degli Stati Uniti avrà calcoli renali ad un certo punto della loro vita. Gli uomini hanno una tendenza maggiore delle donne di soffrire di questo disturbo.

Leggi tutto...

Se avete problemi di erezione e pensate di soffrire di una disfunzione erettile, parlatene con il vostro medico, anche se la cosa vi imbarazza. In realtà la disfunzione erettile è molto più comune di quanto uomini e donne sappiano e ne sono colpiti uomini di tutte le età. Al giorno d'oggi, i farmaci si sono dimostrati molto efficaci nel trattamento dei sintomi nelle persone che ne sono affette. Tuttavia, non funzionano per tutti e in alcuni casi il trattamento farmacologico non è applicabile. La buona notizia è che i ricercatori hanno trovato un nuovo approccio terapeutico per il trattamento della disfunzione erettile: la terapia extracorporea a onde d'urto (ESWT). Nonostante il suo nome un po' inquietante, è completamente sicura, allevia i sintomi e migliora la funzionalità. Ulteriori informazioni:
www.ed-therapy.info

Dopo una diagnosi di calcoli renali è spontaneo domandarsi quale sia il trattamento giusto. Oggi, esistono diverse procedure invasive e non-invasive delle quali è possibile avvalersi in base ai diversi tipi di calcoli e alla loro posizione nel rene o nell'uretere.

Kidney

In generale, il paziente dovrebbe scegliere la terapia più adatta discutendone insieme al proprio medico. Le procedure si distinguono non solo per quanto riguarda la loro invasività e la necessità di un'anestesia, ma anche per il tempo necessario per l'eliminazione completa dei calcoli e per i rischi operatori legati alla procedura scelta.

Leggi tutto...

Le onde d'urto, utilizzate fin dal 1980 con grande successo nella terapia della calcolosi renale, hanno effetti benefici anche in altri campi di applicazione. Migliorano l'irrorazione sanguigna e stimolano la vascolarizzazione. I muscoli si rilassano ed il dolore viene alleviato o addirittura eliminato.

Da alcuni anni, le onde d'urto possono essere utilizzate con grande successo anche nella terapia del dolore pelvico cronico (CPPS) e della curvatura dolorosa del pene (IPP). Nel trattamento della CPPS, le onde d'urto vengono introdotte nella prostata (generalmente l'origine della sindrome) posizionando l'applicatore sulla regione tra lo scroto e l'ano.

Nella terapia dell'IPP, l'applicatore che genera le onde d'urto viene posizionato direttamente sul pene.

Linkedin Channel Facebook Channel Instagram Channel Twitter Youtube Channel